Italiano - English
HOME > Progetti speciali > ART CITY Bologna 2018

Progetti speciali

ART CITY Bologna 2018.
2 -3 - 4 febbraio 2018

Dal 2 al 4 febbraio 2018 torna ART CITY Bologna, il programma istituzionale di mostre, eventi e iniziative speciali promosso dal Comune di Bologna in collaborazione con BolognaFiere in occasione di Arte Fiera, con il coordinamento dell'Area Arte Moderna e Contemporanea dell'Istituzione Bologna Musei.

Per la sua sesta edizione, ART CITY Bologna ridefinisce il proprio format curatoriale con la nuova direzione artistica affidata a Lorenzo Balbi e un programma articolato in dieci eventi e un progetto speciale: proposte monografiche di un solo artista, ideate da un curatore specificamente per un determinato luogo, normalmente non accessibile al pubblico.

Special project di ART CITY è Tunguska Event, History Marches on a Table, performance di grande impatto, esilarante e sovversiva, ideata in occasione del centenario della Rivoluzione russa da Vadim Zakharov, visibile negli spazi Ex GAM adiacenti alla Fiera. Nella stessa zona, al Padiglione de l'Esprit Nouveau, Katarina Zdjelar è protagonista di una mostra temporanea che ruota intorno al video Into the interior, girato al Royal Museum of Central Africa (RMCA) in Belgio, forse l'ultimo museo esplicitamente coloniale al mondo, chiuso nel 2013. Spostandosi nel centro cittadino, si incontrano: La malattia del ferro, video-installazione di Yuri Ancarani ospitata nella Cappella di Santa Maria dei Carcerati a Palazzo Re Enzo e realizzata durante le riprese del film Piattaforma Luna; Transanatomy, progetto espositivo di Roberto Pugliese incentrato sui processi di ibridazione tra uomo e macchina ospitato nel Teatro anatomico dell'Archiginnasio; al Museo della Musica, ABCDEFG, percorso di Jacopo Mazzonelli, che si dispiega intorno al segno musicale inteso come alfabeto sonoro; a Palazzo De’ Toschi, sede della Banca di Bologna, la prima personale in Italia di Erin Shirreff, con un nucleo di opere inedite. Via Zamboni, cuore della zona universitaria, è animata da tre progetti di ART CITY: The Grandfather Platform, installazione praticabile pensata appositamente dall'artista Luca Pozzi per Palazzo Magnani, sede di UniCredit; l'intervento di arte pubblica di Home Movies, che trasforma la strada e i portici in un originale dispositivo di visione a passo e velocità variabili; l'intervento di Alessandra Messali, che propone una visita guidata alternativa al Museo della Specola. Nella stessa zona, il Collegio Artistico Venturoli ospita Galerie, The Workshop, evento performativo a cura di Chiara Vecchiarelli, co-prodotto da Arte Fiera nell’ambito di Polis. Il percorso di ART CITY si conclude negli spazi di Dynamo velostazione con B-wall e la realizzazione di un’opera murale nella sala all’ingresso della struttura da parte di CT (Matteo Ceretto Castigliano).

Per favorire l’avvicinamento di pubblici eterogenei verso le pratiche artistiche attuali, ogni evento è accompagnato dalla pubblicazione di una brochure esplicativa disponibile gratuitamente.

Affiancano inoltre il programma di ART CITY Bologna alcune iniziative selezionate fra quelle promosse dalle numerose istituzioni, enti pubblici e operatori culturali attivi in città.

Info e programma dettagliato: www.artcity.bologna.it

Sito Arte Fiera: www.artefiera.it