HOME > Mostre > Archivio mostre > 2012 > Plamen Dejanoff "The Bronze House"

Plamen Dejanoff "The Bronze House"

MAMbo
1 giugno 2012 - 9 settembre 2012

Dal 1 giugno al 9 settembre 2012 il MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna apre i suoi spazi espositivi a Plamen Dejanoff per ospitare The Bronze House, una spettacolare mostra a cura di Gianfranco Maraniello incentrata sul progetto di costruzione del maggiore monumento in bronzo mai realizzato nell'arte moderna e contemporanea: uno straordinario edificio di oltre seicento metri quadrati destinato ad essere assemblato in Bulgaria dopo la parziale, ma maestosa, presentazione dei suoi componenti in un percorso espositivo itinerante che ha già coinvolto alcune istituzioni museali europee, tra cui il MUMOK Museum of Modern Art Ludwig Foundation di Vienna, il MAK Austrian Museum of Applied Arts / Contemporary Art di Vienna, il Kunstverein di Amburgo e, a seguire la tappa italiana presso il MAMbo, il FRAC Champagne-Ardenne / Regional Funds for Contemporary Art di Reims.

Gli straordinari volumi della Sala delle Ciminiere del Museo valorizzano la monumentalità dell’opera scultorea presentando la versione più avanzata finora mai realizzata, composta da 160 elementi di facciata che si sviluppano in verticale per 5 metri di altezza, per un peso complessivo di circa 16 tonnellate. Completano il percorso espositivo della mostra modelli e prototipi architettonici, plastici, disegni e collages ad approfondire le diverse fasi di studio per la realizzazione dell’opera, oltre ad alcune opere installative che si muovono tra arte concettuale e immaginario iper-pop.

In occasione della mostra viene pubblicato per le Edizioni MAMbo un Instant Book in versione bilingue (italiano / inglese), contenente un testo di Gianfranco Maraniello con interventi di Plamen Dejanoff, corredato da un ampio apparato iconografico.

La mostra dedicata a Plamen Dejanoff afferisce al filone di ricerca denominato Criticism che il MAMbo porta avanti fin dal 2006, ovvero un percorso di riflessione e di indagine sulle pratiche artistiche e sulla funzione del museo contemporaneo, che ha coinvolto artisti quali Ryan Gander, Paolo Chiasera, Markus Schinwald, Giovanni Anselmo, Christopher Williams, Bojan Sarcevic, Adam Chodzko, Eva Marisaldi, Diego Perrone, Ding Yi, DeRijkeDe Rooij, GuytonWalker, Natasha Sadr Haghighian, Trisha Donnelly, Sarah Morris, Seth Price, Matthew Day Jackson e Marcel Broodthaers.


giovedì 31 maggio 2012
h 12.00 - 18.00 > opening day gratuito al pubblico
h 19.00 - 21.00 > opening ad accesso libero